George Gershwin

 

George Gershwin nacque a New York nel 1898 e morì a Hollywood nel 1937.
Compositore americano, appartenente ad una famiglia israelita di origine slava, Gershwin ricevette i primi insegnamenti musicali a tredici anni e li proseguì con vari insegnanti (Bodanzky, Goldmark, Schillinger). A sedici anni si impiegò presso una casa musicale newyorkese con il compito di suonare gli spartiti per i clienti.
Stanco di eseguire musiche che riteneva superate, cominciò egli stesso a comporre brani di ispirazione jazzistica il primo dei quali, Swanee, ottenne un discreto successo ma fu considerato rivoluzionario e provocò il licenziamento del giovane compositore. In seguito fu accompagnatore della cantante Louise Dresser in una tournée e nel 1918 venne assunto dalla casa editrice Harms.
Gershwin ebbe la fortuna di crescere nel periodo in cui il jazz, lasciata New Orleans, si diffondeva negli Stati Uniti, provocando profondi mutamenti nel costume musicale americano. In collaborazione con il fratello Ira, compose le musiche per una fortunatissima serie di commedie musicali rappresentate a Broadway (La, La, Lucille, 1919; George White's Scandals, 1920; Lady Be Good, 1924) dalle quali furono tratti brani che, da soli, ottennero altrettanto successo. Nel 1923 compì un viaggio in Inghilterra per scrivere musica per la rivista The Rainbow e nel 1924 il direttore d'orchestra Paul Whiteman gli commissionò un brano sinfonico: la celebre Rhapsody in Blue (Rapsodia in blue) che fu accolta calorosamente.
Ormai famoso, Gershwin si dedicò - sempre in collaborazione con il fratello - alla composizione di opere di maggior respiro: il Concerto in fa (1923), la Cuban ouverture (1932). Nel 1928 fu accolto con entusiasmo a Parigi, da pubblico e critica: qui conobbe Strvinskij, Prokofiev e Poulenc, e compose An American in Paris (Un americano a Parigi). Nel 1929 si svolse al Lewisohn Stadium il primo festoval dedicato alle sue opere, che si ripeté ogni anno, sotto la sua direzione. Nel 1930 il Metropolitan lo scritturò per un'opera e nel frattempo iniziò a collaborare ai primi films sonori, trasferendosi nel 1931 ad Hollywood. Nell'estate del 1937 fu stroncato improvvisamente da un tumore al cervello. Pochi giorni prima era stato eletto membro onorario dell'Accademia di Santa Cecilia.
Apparentemente la carriera artistica di Gershwin presenta carattere di duplicità: da un lato il Gershwin melodista, autore insieme al fratello di canzoni di successo, dall'altro il compositore di lavori orchestrali e di Porgy and Bess. In realtà entrambi gli aspetti riflettono un unico atteggiamento compositivo: la dimensione spettacolare e commerciale di Broadway contraddistinta dalla preminenza dell' elemento tematico e dalla subalternità dell' aspetto propriamente compositivo. Anche l'opera Porgy and Bess (1933), ambientata tra i neri d'America e nella quale Gershwin incluse temi musicali ispirati ai canti della gente di colore, non sfugge a questa contraddizione.
Continua a vivere una felicissima e longeva vita teatrale perché é uno straordinario ingranaggio in cui il folklore nero-americano vissuto in edizione Broadway sostituisce la forza drammatica di un melodramma, quasi un'immagine riflessa della psicologia dei personaggi dell'opera verista. Anche per questo, Gershwin venne considerato un rinnovatore della musica americana e - più d'ogni altro contemporaneo - la seppe legare alle tradizioni folcloristiche della sua terra.