Mauro Cardi

 

Mauro Cardi (Roma, 1955) ha completato nella sua città natale, presso il Conservatorio di Santa Cecilia, gli studi di composizione, strumentazione per banda e musica corale. Determinante nella sua formazione si è rivelata la figura di Franco Donatoni, con il quale si è perfezionato presso l'Accademia Chigiana di Siena e l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Nel 1984 ha frequentato i Ferienkürse di Darmstadt. Ha ottenuto diversi premi internazionali: "Valentino Bucchi" nel 1982, "Gaudeamus Preize" nel 1984, "Gian Francesco Malipiero" nel 1988.Nel 1987 Promenade: Variazioni sul blu è stato scelto dalla RAI per rappresentare l'Italia alla Tribuna Internazionale dei Compositori, indetta dall'Unesco. Dopo il 1990 ha avuto modo di dedicarsi anche al teatro musicale e ha iniziato ad occuparsi di informatica musicale e di tecnologie applicate alla musica. Nel 1997 Manao Tupapau è stato finalista al "24° Electroacustique Music Competition" di Bourges. Presidente di Nuova Consonanza dal 1999 al 2001, socio fondatore della Scuola di Musica di Testaccio, insegna Composizione presso il Conservatorio "Luigi Cherubini" di Firenze.
Una certa propensione al gioco, al gioco nella sua dimensione più astratta, forse più intellettuale, comunque serissima, innerva la produzione di Mauro Cardi sospendendola fra l'ossequioso rispetto di complesse regole e l'azione impertinente del caso. La lezione di Donatoni lo ha condotto ha concepire la musica come un mutevole groviglio di forze, forze prodotte dall'immaginazione prima, dalla razionalizzazione dei processi compositivi poi. I suoi lavori successivi al 1990 testimoniano una continua, sperimentale ricerca di una "visione" cui dare una forma musicale.

 

Da www.milanomusica.org