Michaël Levinas

 

Michaël Levinas (Parigi 1949) compie i suoi studi al CNSM di Parigi dove il suo maestro di composizione è Olivier Messiaen e dove si diploma con numerosi primi premi. Nel 1972 partecipa ai corsi di Darmstadt e nel 1974 è tra i fondatori del gruppo di ricerca L'Itineraire, prima di vincere una borsa di studio biennale a Villa Medici (Roma).
Fin dall'inizio manifesta nella sua produzione un interesse particolare per il timbro, lo spazio e per quella categoria specifica che Levinas definisce "l'instrumental", continuamente rinnovata e riscoperta dalle tecniche elettroacustiche, elettroniche ed informatiche. Il compositore si rifiuta di definire il termine "musicale" come il risultato di un'unica elaborazione sonora: per lui tutta l'opera strumentale tende verso una dimensione teatrale e questo è vero soprattutto all'interno di ogni singola opera.
Il nome di Levinas è comunque inscindibilmente legato all'esperienza della cosiddetta corrente "spettrale", alla quale hanno contribuito diversi altri compositori francesi della sua generazione. Alla base di essa vi è una ricerca sullo spettro acustico dei suoni, ciò che ha indotto questi musicisti a utilizzare microintervalli sino ai sedicesimi di tono.
Eccellente pianista, Levinas è professore d'analisi presso il Conservatorio Nazionale di Parigi.

 

Da www.milanomusica.org